IL PESO DELLE REGOLE Stampa
Scritto da Administrator   
Mercoledì 16 Dicembre 2020 07:08
Share

Le regole rappresentano per la maggior parte degli abitanti della nostra Penisola un impaccio fastidioso piuttosto che l’indispensabile cornice del vivere civile.(Antonio Caprarica)

Nonostante il Covid, il mondo va avanti, le regole, seppur difficili da digerire, inesorabilmente arrivano ed entrano in vigore.

E così, dal prossimo primo gennaio, l’Autorità bancaria Europea ha fissato nuovi criteri nella definizione di default nell’ambito bancario e la stragrande maggiornaza degli Istituti di Credito si sono già organizzati.

Nella sostanza un ‘azienda potrà essere classificata in default in presenza di un arretrato da oltre 90 giorni consecutivi nel pagamento di finanziamenti o sconfinamento sul conto corrente.

L’importo che farà scattare la segnalazione : € 100 per persone fisiche o ditte individuali e imprese con fatturato < 5 milioni di Euro oppure € 500 per tutte le altre imprese e comunque quando l’arretrato rappresenta più dell’1% del totale delle esposizioni dell’impresa verso la banca.

Ovviamente, soprattutto in un paese come il nostro, si leveranno urla, voci e piagnistei per un uso troppo rigido delle regole, ma credo invece opprtuno e conveniente risparmiare le energie per organizzarsi bene, prestando sempre maggiore attenzione ai movimenti finanziari, al controllo dei flussi e della liquidità, per non incappare in segnalazioni che, seppur risolte, verranno eliminate a sistema solo dopo tre mesi, con le ovvie conseguenze negative che ne derivano.

Sono aspetti, a dire la verità, che non servirebbe nemmeno segnalare o rimarcare, stante l’aspetto fondamentale che da sempre dovrebbero rappresentare per un’impresa, ma come si dice “non è mai troppo tardi”.

Il 2021, diciamolo pure fuori dai denti, si prospetta come un anno complesso e difficile per il sistema economico in genere, a maggior ragione per la nostra Italia e forse, proprio per questo occorrerà mettere in circolo le maggiori capacità ed energie per fare quel salto di qualità, senza il quale con ogni probabilità, non riusciremo a vedere la luce.

 

Tutti hanno, intrappolata dentro di sé, dell’energia. Il fatto è che non siamo molto bravi a tirarla fuori.
(Bill Bryson)